giovedì, dicembre 26, 2013

Il colletto della giacca

Seduto di fronte alla fontana della sua vecchia città, attendeva l'arrivo degli amici da alcuni minuti. Si era alzato il colletto della giacca. Un po' per il vento freddo che a tratti soffiava, un po' per sentirsi protetto. Aspettava l'incontro con un po' di trepidazione. Aveva paura di dover parlare troppo.

La vera amicizia è come un esame ben riuscito: funziona quando lo studente ruba le parole al professore, salta su ogni argomento che sente suo, e lo espande. E' su quel filo che corre l'intimità. Un disco che ne richiama un altro, un luogo che ne trascina con sé mille ancora, un profumo che si ricorda insieme, un momento così condiviso che basta accennarlo per riviverlo. Si vede subito quando veri amici parlano: gli altri capiscono poco o nulla, non condividono il grande mondo a cui le piccole parole rimandano.

Col colletto alzato, si proteggeva dal freddo. Forse, avvolto nel suo nuovo mondo, aveva perso qualcosa di importante. Lontano, arrivano i grandi problemi o i grandi successi, ma non quella piccola serie di eventi quotidiani che spostano gli equilibri, cambiano le abitudini, mutano il linguaggio, riposizionano i confini di ciò che si dà per scontato.

“Allora”, sentì pronunciare assieme a un nomignolo che non sentiva da tempo e a una presa in giro sempre buona, perché legata a un difetto vero.
“Andiamo dentro” disse in risposta. Schernendosi dell'ultima bordata di vento che gli scompigliava i capelli, abbassò il colletto della giacca ed entrò assieme agli altri.

martedì, dicembre 24, 2013

2014. Perfect seed is being there: paths and crossroads

Quante scoperte in questo 2013: grazie davvero a chi mi ha lasciato andare e a chi mi ha accolto. E per il 2014, magari le scoperte saranno ancora di più. Nuove bivi, strade, percorsi, prospettive. I miei auguri vi arrivano con una massima del mio “gabbiano preferito” e alcune mie immagini del mondo, nei luoghi che più mi hanno ispirato percorsi e alternative.

--- ENG--
So many discoveries in this 2013: thanks to those who let me go and to those who has welcome me. And 2014 will maybe bring in even more challenges. New crossroads, new paths, routes, and perspectives. My best wishes come together with a saying of my favorite seagull Jonathan and a few pics of my pictures of the world, in those spots that have most inspired me for journeys and alternatives.
---

“Heaven is not a place, and it is not a time. Heaven is being perfect. And that isn't flying a thousand miles an hour, or a million, or flying at the speed of light. Because any number is a limit, and perfection doesn't have limits. 
Perfect speed, my son, is being there.”
(Richard Bach, Jonathan Livingston Seagull)

---

Algeria: Algeri
Algeria: Algeri

Italia: foreste di Camaldoli
Italia: foreste di Camaldoli

Francia: spiaggia di Saint Marie de la Mer
Francia: spiaggia di Saint Marie de la Mer

Marocco: grotta "Africa" di Cape Spartel
Marocco: grotta "Africa" di Cape Spartel

India: piantagioni di cocco di Cochi
India: piantagioni di cocco di Cochi

Edinburgo: Botanic Garden
Edinburgo: Botanic Garden

Italia: campagne di Ravenna
Italia: campagne di Ravenna

Italia: Colline di Romagna
Italia: Colline di Romagna

Italia: Monti Sibillini
Italia: Monti Sibillini

Egitto: Sinai
Egitto: Sinai

Italia: Su Tempiesu
Italia: Su Tempiesu

Australia: Ayers Rock
Australia: Ayers Rock

mercoledì, novembre 27, 2013

High Culture: Enclaving Art out of the Commodity-State

Issued on October the 30th
Class of Cultural Economics: Theory - Final Essay 
Master in Cultural Economics and Entrepreneurship 2013-14
Erasmus University of Rotterdam

From the Rational Approach to the Value Based Approach.
Discourses about High Culture and Their Relevance to Economics
Introduction
This paper claims that when people talk about high culture they reinforce a social practice aimed at enclaving art out of the commodity-state. The discourse practice about high culture affects the interaction between economics and the arts. Therefore, the distinction between high and low culture is still relevant in cultural economics.

In order to address the topic, the paper first recalls the shift between the rational approach and the value-based approach to cultural economics. The rational approach regards as irrelevant the distinction between high and low culture, preference formation being out of the scope of economics. Cultural economics, though, has gradually questioned the assumption of stable preference structure, along with the standard theory of value. A value-based approach has consequently entered cultural economics as an alternative.

In the value-based approach, people do not maximize their utility, but realize their values. Rather than invest economic capital to acquire commodities out of market exchanges, people employ their cultural capital to share artistic goods in their social networks with friends, colleagues and artists. These social networks and the relevant social practices can be captured applying the metaphor of the conversation.

Within the artistic conversation, people currently reinforce the distinction between high and low culture. The distinction has an economic impact: High culture has restricted access to the commodity state, while low culture is free to enter the market as standard goods. Economic decisions follow accordingly, such as public funds allocation. The distinction between high and low culture is therefore relevant in cultural economics.

Standard Economic Approach and Methodological Individualism
In standard economics, the market is a social system that matches sellers, who offer goods and services in return for a payment, and buyers, who want to purchase desired items by paying for them(1). Price mechanism informs the interaction, as a combination of quantity of goods provided by suppliers and the willingness to pay of customers. Market exchanges take place, since both suppliers and customers have their incentives. Suppliers want to maximize profits. Customers desire to get the highest utility depending on their income and taste.

Standard economics, to sum up, assumes tastes and preferences as given inputs and theory does not deal with taste and preference formation. Rushton states that the neoclassical rational approach to economics is based on methodological individualism:

“Both rights-based liberal theories of ethics and the economists’ welfare economics involve trying to construct ethical systems as something rational, here meaning not the opposite of irrational, but rather a system independent of the culture, traditions, and personalities of the individuals who would live in such a world” (Rushton, 1999, p. 139-140).

Supply, demand, price mechanism, constraints, incentives, and markets are recurring topics in cultural economics: 

“What all economists do agree on is that cultural goods and services are economic goods. (…) These considerations alone make the case for an economic analysis of the production and consumption of cultural products and naturally lead to questions about what determines supply, demand and prices; in other words, we need to understand how market forces operate in the cultural sector” (Towse, 2010, p. 52).

The standard economic approach was in use when cultural economics was established as a discipline in 1966. At the time Baumol and Bowen (Baumol & Bowen, 1966) described the cost disease of the performing arts, showing that artistic labor benefited less than non-artistic labor of technological gain.

The standard economic approach, furthermore, is still commonly used by contemporary scholars. Frey, for example, supports the model as a powerful tool to capture the demand and the supply of the arts (Frey, 2003). Frey just transcends orthodoxy to include institutional constraints and psychological aspects. Institutional constraints arise in the interaction between different artistic organizations or between artistic organizations and public institutions allocating subsidies. Consumers' anomalies come with the so called “endowment effect”, ie for example when the owner of a painting is so tied up with the piece of art that she/he is not willing to sell it anymore. Producers' anomalies come when artists are willing to create even when little or no economic return is expected.

Though Frey admits that institutional and psychological inputs inform the cultural market, his analysis sticks to standard terms. For example, he considers an artist relevant for cultural economics as long as he gains from the arts a high share of his income. Economic capital and market interactions turn out to be the relevant issues. Frey concludes his personal view on the economic approach to culture as follows:

“It has been argued that the economics of the art would profit from going beyond the well-trodden paths, and integrating knowledge from the other social sciences, in particular psychology. This gives us the opportunity of understanding even better how human beings behave with respect to the arts. The economics of art has dealt with a large number of different issues and subjects. (…) But one of the most important aspects has been the relationship between culture and the market”.

The market, though, does not seem to be the social system where the core of cultural value is traded. Scholars have thus criticized the rational approach and fostered new approaches to cultural economics.

Cultural Economics and Critics of Methodological Individualism
Cultural economics has increasingly questioned methodological individualism and the standard economic theory of value. Scholars have proposed an interdisciplinary approach to account for specific feature of cultural goods, such as taste formation and non-economic values.

Blaugh, in his review of cultural economics research, points out the original pattern of taste formation. Blaugh reminds us that artistic goods are “experience goods”. Taste has to be acquired by repeated experiences of consumption and, as a consequence, “stable and identical tastes are an implausible assumption”, and “it is doubtful whether we can actually identify demand for art separately from the supply of the arts and vice versa”. (Blaugh, 2001, p. 125 & 127).

Taste formation is a topic in Hutter's research about the impact of cultural economics to economic theory:

“The standard assumption of stable preference structure is particularly inadequate in the cultural sector. Tastes are obviously socially shaped. Terms like 'acquired taste' demonstrate that this fact is well known” (Hutter, 1996, p. 265).

Hutter, however, brings our attention to other peculiarities of cultural economics. First, he questions the assumption about the stability of demand:

“Another standard assumption is stability of the demand that leads to a specific price paid and volume sold. However, in the 'thin' market for art objects, that assumption does not hold – demand at a particular auction is highly unpredictable” (ibidem, 1996, p. 265).

Finally, Hutter invites us to reflect on the theory of value:

“In the process of making and appreciating art, there is a form of valuation at work that is distinct from valuation in terms of monetary exchange value. Apparently, artistic quality cannot be broken down into more elementary characteristics. Despite occasional anecdotes of the contrary, there is fairly high consensus among participants in the various genres about which pieces have quality and which do not. This kind of valuation is different from traditional individual use valuation. It is a social kind of valuation, just like exchange valuation, yet it operates differently. I have already mentioned that artistic valuation involves a complicated scheme of certification and reputation building” (ibidem, 1996, p. 267).

In order to account for the social dimension of valuation, cultural economics has overcome the traditional notion of economic capital to include cultural capital. Throsby has theorized about cultural capital.

A New Theory of Cultural Value
Throsby extends the social dimension of cultural value (Throsby, 2001). He accounts for the ideas that permeate the economic domain – price, utility, individual preference -, but also claims that cultural goods embed cultural values – spiritual, social, historical, symbolic, authenticity values – that cannot be captured by the willingness to pay of individuals, because cultural experiences arise when people become members of a group; “People form judgments about cultural value not just by introspection but by a process of exchange with others”. (Throsby, 2001, p. 33)

Throsby names the discussed set of values that people share in their social interactions. Throsby names these values cultural capital. When cultural capital is involved, traditional assumptions of price formation are not met. On the demand side, tastes are time dependent. They increase with time and every act of consumption seems to affect future consumption. On the supply side, creators do not behave as profit maximizers. Creators, quite to the contrary, allocate relevant labor capital even when price predicts little or no return in economic capital. Therefore, Throsby concludes:

“If we are serious about striving for theoretical completeness, and eventually for operational validity in decision-making, it is essential that cultural value be admitted alongside economic value in the consideration of the overall value of cultural goods and services” (Throsby, 2001, p. 41).

The value-based approach is the approach to cultural economics which tries to account for the social construction of artistic value. Arjo Klamer has developed this approach.

The Value-Based Approach to Economics
Cultural values pose a main question to cultural economic theory, “How do social interactions generate, shape, and trade cultural capitals?”. This question is the starting point of Klamer's value-based approach to economics. “Researchers may ask themselves how values come about, in which ways they are realized, affirmed, evaluated and valorized” (Klamer, 2011, p. 465).

Klamer provides a new approach to economics which takes into account cultural capital and preference formation. Abandoning the rational focus on the market system, Klamer suggests taking the standpoint of the people involved in the process of social construction of value. Therefore, the name “value-based approach”.

According to Klamer, cultural goods are discursive constructions. Cultural goods may be exchanged in the market, as standard economic goods, and thus get a price, yet, most of the time, people deal with the cultural capital of economic goods to realize personal, social, societal, and transcendental values in their social interactions and social communities.

Klamer talks about “conversation” to light up how these interactions and communities work:

“Conversation defines all the exchanges, the chatter, the publications, the literature, the conferences, the meetings that constitute these communities, and participation in the conversations establishes who is counted as a member of these communities” (Klamer, 2009, p. 250).

Within a conversation what matters is not the intrinsic value of the object, but the shared meaning about the object that is socially defined: “Goods become cultural when people treat them as such: in the way they talk about them and in the process of valuation, evaluation and valorization”. (Klamer, 2013, ch. 12). Conversations, therefore, define who and what belong to the artistic conversation. Let's briefly discuss both points.

When someone wants to establish himself as an artist, he must enter the artistic conversation. The process implies a high opportunity cost: he must invest a great amount of time, labor and social networking. Economic profit is seldom gained. However, sharing the artistic conversation appears as a value itself. A value that interacts with other conversations, generating an ongoing flow of cultural capital. The artistic conversation may convey high status and positively affects conversations with friends. The artistic conversation, though, may be demanding and reduce our investment and success in the family conversation.

The artistic conversation defines, as well, what pieces of art are cultural goods. The artistic conversation rules stocks and flows of cultural capitals related to the relevant cultural goods. Artists and public co-create the value of cultural goods. They together define what cultural goods are good for, and what cultural goods are allowed to do.

Several cultural goods, for example, are not allowed to enter the market. They are named “high culture” and they have restricted access to the commodity state. Arjun Appaduraj has introduced the notion of commodity and discussed the restrictions to the commodity state. His insights may eventually help us to tease out the social process that goes on in the cultural conversation when people talk about high culture and restrict its access to the market.

The Social Life of Things: Goods vs Commodities
Appaduraj brings in the distinction between goods and commodities to explore the social life of things, and light up the political construction of value that we have so far discussed with the conversational metaphor. Appaduraj introduces his aim as follows:

“Focusing on the things that are exchanged, rather than simply on the forms and functions of exchange, makes it possible to argue that what creates the link between exchange and value is politics, construed broadly” (Appaduraj, 1988, p.3).

In order to follow the political construction of value, Appaduraj introduces the distinction between goods and commodities. Appaduraj defines commodities as goods meant for exchange. What he wants to show us is that there are goods that are not meant for exchange. Though the standard economic approach focuses only on commodities, Appauraj tells us that the commodity state, the moment of exchange either in the market or in a barter, is just a phase in the social life of goods. Goods can enter or exit the commodity state, following pathways of “enclaving” and “diversion”:

“Whereas enclaving seeks to protect certain things from commoditization, diversion frequently is aimed at drawing protected things into the zone of commoditization” (ibidem, p. 26).

Appaduraj points out two features of the political debate around commoditization that are relevant for our discussion about high culture. First, Appaduraj reveals that artistic production has always had restricted access to the commodity phase:

“The more complex case concerns entire zones of activity and production that are devoted to producing objects of value that cannot be commoditized by anybody. The zone of art and ritual in small-scale societies is one such enclaved zone, where the spirit of commodity enters only under condition of massive cultural change. (…) It is typical that objects which represent aesthetic elaboration and objects that serve as sacra are, in many societies, not permitted to occupy the commodity state (either temporally, socially, or definitionally) for very long” (ibidem, p. 22-23).

Then, Appaduraj adds that contemporary societies distinguish themselves from traditional ones because more and more goods are allowed to enter the commodity phase:

“In modern capitalist societies, it can safely be said that more things are likely to experience a commodity phase in their own careers, more contexts to become legitimate commodity contexts, and the standards of commodity candidacy to embrace a large part of the world of things than in non capitalist societies” (ibidem, p. 15).

To sum up, art in modern societies is at the crossroad of divergent pathways. There is a long term trend enclaving art out of the commodity state; and there is a shorter term trend diverting art into the commodity state. When people in the artistic conversation talk about high culture, they seem to resume the old trend and enclave a few high culturally valued objects out of the commodity-state.

High Culture: Enclaving Art out of the Commodity State
The capitalist pathway of diversion has extensively driven art into the commoditization sphere. Pop culture – music, paintings, books, plays, live performances in general – are often specifically conceived for the market. Cultural economics has indeed coined the term “cultural industries” to include all the industries engaged in the creation, reproduction, and distribution of cultural goods. The bulk of standard economic studies deals with cultural industries.

However, established pieces of art or new pieces of pop art, thought to be of high value, tend to become exceptions to the commoditization trend. People in the artistic conversation label these particular old and new pieces of art “high culture”. When “high culture” discourse starts, a pathway of enclaving comes in and the commodity phase is restricted. High culture goods tend to acquire the features of shared goods, as Klamer defines them (Klamer, 2013, p. 4): (1) at least two people must share the ownership to make them real; (2) the ownership is not legal, but social or moral; (3) neither market transaction nor governmental action can alter the ownership; (4) price is unstated, yet values of goods are clear to the users; (5) experiencing the goods implies a social contribution; (6) acts of consumption increase the overall value of the goods.

Moreover, when high culture is at stake, public intervention comes in to solve market failure or to favor low income audience: subsidies or donations may cover the high fixed costs of a classic orchestra performance or allow a reduction in the entry ticket for students. Finally, incentives, such as cultural prizes, may intervene to stimulate high culture productions, whereas cultural industries, such as publishing or music industries, would focus on profit maximization.

More examples could be included. This essay, however, is not meant to provide empirical analysis of the different means to restrict art commoditization, nor is meant to evaluate their economic efficiency. The given examples are useful only to prove that the social activity around high culture effects economic behavior of consumers, donors, and administrators. As a result, high culture, meant as a social practice to enclave a few pieces of art out of the commodity-state, is relevant for cultural economics.

Conclusion
The rational approach to economics takes as irrelevant the distinction between high and low culture. Frey points out that “there is no such thing as good or bad art” (Frey, 2003, p.26). Art, according to Frey, is indeed what individual actors purchase on the market. However, Throsby shows that, along with economic capital, cultural goods embed cultural capitals, and Klamer reveals that cultural goods help people to realize their values far beyond the market. People talk about cultural goods in the artistic conversation, and, there, they define what art is and how they behave in respect to art. In the artistic conversation, the distinction between “high” and “low” culture is still an ongoing discourse practice and shapes the way society deals with the art. While low culture is free to enter the commodity state, high culture has restricted access to the commodity sphere. Going back to Appaduray, high culture represents, for modern societies, what sacred art used to represent in traditional societies. 

(1) For an overview of the concepts of market, supply, and demand in classical economics see for example Towse, 2010, part I – ch. 3, 4, 5.

Bibliography
Appaduraj, A. (1988). The social life of things. Cambridge: Cambridge University Press.
Baumol, W. & Bowen, W. (1966). Performing Arts: The Economic Dilemma. Hartford: Twentieth Fund.
Blaug, M. (2001). “Where are we now in cultural economics? In Journal of Economic Surveys, 15(2), April: 123-143.
Frey, B. (2003). Arts and Economics. New Yor-Heidelberg: Springer.
Hutter, M. (1996). “The impact of cultural economics on economic theory”. Journal of Cultural Economics, 20(4), 263-268.
Klamer, A. (2009). “The Lives of Cultural Goods”. In Amariglio, J., Childers J. W., & Cullenberg, S. Sublime Economy: On the Intersection of Art and Economics. Oxford: Routledge.
Klamer, A. (2011). “Value of Culture”. In Towse, R. (2011). A Handbook of Cultural Economics. Cheltenham: Edward Elgar.
Klamer, A. (2013). Doing the right thing. (memo)
Rushton, M. (1999). “Methodological Individualism and Cultural Economics”. Journal of Cultural Economics, 23(3), 137-147.
Throsby, D. (2001). Economics and Culture. Cambridge: Cambridge University Press.
Towse, R. (2010). A Textbook of Cultural Economics. Cambridge: Cambridge University Press.

venerdì, ottobre 18, 2013

The spot, the student and the critic being

My world is a spot. There is a chair. A body holding up a brain.
In the morning, I write, critizing what I read before.
In the afternoon, I read, preparing the critics of the day ahead.
In the evening, I broader the scope, reading more, to know better how to criticize.
In the night, when the last stream of conscious passes by, I wonder if I should criticize it all.
I feel like a brain, but my brain feels like running a body sometimes.
However, I am too tired, and I give up, I take it the way it is.
I critic, thus I am, or at least I try to be, sitting in this world-spot as critic as I can be.

giovedì, ottobre 10, 2013

Il testo in codice sull'economia e il mondo

I suoi discorsi incominciavano sempre con una certa enfasi, come se annunciassero ogni volta una rivoluzione. “Ho già in mente un affare da un milione di euro l'anno in tre anni. Devo solo lavorare per costituire i dieci mila euro di capitale iniziale. Prima di tornare in Francia, ho già aiutato un amico a mettere su una scuola di inglese per cinesi. L'attività funziona, il paese è grande, tornerò là se trovo la voglia di restarci almeno tre anni. E' quanto serve per allargare la rete”.

Il giovane francese era sempre tagliente ed estremo nei giudizi. Affare o merda, business o filosofia. E l'enfasi emergeva ancor di più per la piccola taglia: corporatura minuta, scarpe e jeans abbondanti,  felpa con cappuccio, sigaretta in mano. Nell'altra mano spesso un caffè, talvolta un telefono per illuminare angoli di vita metropolitana: un parcheggio pieno di bici, un graffito, una vetrata scheggiata. Dalla tasca emergeva talvolta un blocco appunti nero, con carta bianca, opaca, senza righe né quadretti. Appunti, disegni, grafici, punti di domanda. E poi pagine bianche e scrittura.

Le ragazze lo guardavano con simpatia e sospetto. Le più grandi spinte da un certo sentimento materno verso quel nichilismo, le più giovani un poco irritate, forse anche dubbiose sull'atteggiamento. Quei vestiti, quel modo di fare, quel cinismo ricordavano troppo un vecchio noir francese in bianco e nero per non dubitare che il giovane francese potesse soltanto recitare una parte.

L'ultima volta che lo vidi rispose con la solita enfasi. “Mi immagino qualcosa di avventuroso per i prossimi mesi: avere un'idea, andare in un paese e realizzarla”. Anche quella volta nel taschino aveva il suo blocco appunti con carta opaca. “Ci sto annotando delle ipotesi su un libro, sull'economia e sul mondo”.
“E di che parli?” chiesi lui.
“Lo sto scrivendo in francese, con molte abbreviazioni, così non sarà facile leggerlo neppure per chi parla francese”.
Fece una pausa per chiudere una sigaretta passandosela fra le labbra.
“Non credo che arriverò a dirtelo ora”, aggiunse infine prima di strisciare le scarpe verso la fermata della metropolitana.

mercoledì, ottobre 02, 2013

The Value of my Master's

Issued on September the 23rd
class of Cultural Economics: Theory 
Master in Cultural Economics and Entrepreneurship

A few months ago, I submitted my application for the Master’s in Cultural Economics and Entrepreneurship at the University of Rotterdam. In economics terms, my decision may be seen as follows: 1.850,00 € in tuition fees, about 10.000,00 € in travel cost to come and live in the Netherlands, no salary for eight months at least, and a concentrated effort at my office to make my time off at work accepted; in return, a 2000,00 € fellowship from my regional department, and an uncertain future increase in my income. The choice does not appear very rational!
Nonetheless, I did my best to make my resume appealing, to collect all my published papers, and to write a convincing motivation letter. I did my best to be a successful candidate.
My master’s decision was indeed an everyday example of value based choice. I will briefly recall the concept of value as used in this paper, try to map a few values relevant in the choice of my master, and show how these values are consistent with a psychological paradigm shift.

“Values are qualities of actions, goods, people, social entities that people find good, beneficial, important, useful, beautiful, desirable, constructive and so forth. Values are personal in the sense that individuals experience them as such and they are social in the sense values derive their impact from being shared among group of people” (Klamer, 2013, p. 7). Klamer distinguishes the following groups of values: social, societal, cultural, historical, moral, personal, transcendental, and functional.

According to classical economics, my master’s has got a functional value: I expect to increase my cultural capital and in return increase my social prestige and income. However, according to the current state of affairs, it is not so clear that any master’s may guarantee a job better than the one I have already. The lottery effect, ie the remote chance of picking up a great position, may play a role as in the creative side of cultural industries, but functional values are nonetheless too uncertain to be pivotal in my decision.

First, social values were at stage. I had developed among colleagues and external companies and associations few idiosyncrasies but a lot more strong friendships. In both cases, previous experiences were about to work as biases. I felt I could easily end up playing influence peddling without self criticism or growth. It was time to move on, invest my extended social capital in projects out of my city council or simply have a beer with that human capital free of working constraints.

Societal values were at stake as well. Public subsidies had been cut down and most of the  administrators simply refused to inquiry about any further organizational model. According to local decision makers, culture had to act independently of private capitals constraints as a means to educate people. Strangely enough, the projects that were finally achieved failed to engage audience: people refused the paternalistic approach and criticized the public cultural investments, advanced at the expense of more basic services. It was time to overtake the frustration of balance sheets and reset the beloved cultural activities within a different frame. To some extent, I did want to study economics to go beyond the economics constraints I had got used to.

Cultural values, furthermore, framed my choice. As a traveler, I had enjoyed more and more the blurring frontiers of European Union. As a professional, I could not stand the steady contrast between Italian policies and European regulations. Rotterdam was the birth place of Erasmus. The university itself brought his name. What better place to attempt to get free from monetary anxiety and bring back the political and cultural idea of the founding fathers. One of my most inspiring sources had been A Certain Idea of Europe, a short essay by George Steiner trying to identify the bedrock of European identity. Steiner posited around bars and cafes as cultural circles, about landscape as a collection of walking distance stretches. I found that debate much more rewarding than the current one on public debt control. Could I contribute to refresh the mainstream of the conversation about a European utopia? That was exactly the task of a European cultural entrepreneur, I thought.

Through my initial readings – Morgan (Morgan, 1943) and Cameron  and Quinn (Cameron & Quinn, 2011) among others - , I have finally also clarified a personal value. Suffering the constraints of my previous working position, as I briefly recalled before, I was actually complaining about the main pitfalls of hierarchical mechanistic institutions. My need for a new framework was indeed a dream for a more adhocrat attitude: think new, think different. Recalling my answers to the first survey we students were given at the seminar of cultural organization, I do realize, nonetheless, that the mechanistic metaphor is deeply routed in me. My vision of cultural business included planning, design, basically fitting creative production into an organizational routine. Here comes the personal challenge. Am I still able to get out of my mechanistic metaphor, enter a board conceiving an expo or a concert, and provide that board brand new insights? Inspiring contributions by the master's would be a relevant value in this respect.

To come to the conclusion, quite independently of pure economic rational analysis, I have decided to take a master’s in Rotterdam to foster an improvement in my social, societal, cultural and prsonal values. This combined set of values may be perhaps the hallmark of a shift of paradigms. Undertaking this new educational experience, I have tried to make my way from hedonic enjoyment,  ie the relaxing sensation of mastering a well known work flow in a hierarchical and predictable city council in Italy, to personal expressiveness, ie the thrilling sensation of matching my skills with the challenging new ways of thinking of a multicultural Dutch university (Waterman, 1993, in Kombrink, 2003). If so, I hope to have optimally balanced skills and goals and enjoy that feeling of excitement “that takes the middle between boredom and anxiety, when the challenges are just balanced with our capacity to act” (Csikszentmihalyi 1975, 1988, in Kombrink, p. 17).

Bibliography
Cameron, K.; Quinn, R. (2011). Diagnosing and Changing Organizational Culture. San Francisco:  Jossey-Bass.
Csikszentmihalyi, M. (1975). Beyond Boredom and Anxiety. San Francisco: Jossey-Bass.
Csikszentmihalyi, M. (1988). ‘The Flow Experience and its Significance for Human Psychology, In: M. Csikszentmihalyi & I.S. Csikszentmihalyi (eds.), Optimal Experience: Psychological Studies of Flow in Consciousness. Cambridge: Cambridge University Press, pp. 15-35.
Klamer, A. (2013). Doing the right thing. A Value Based Approach to Economics.
Kombrink, D. (2003). Cultural Capital and Well-Being. Rotterdam: Erasmus University of Rotterdam.
Morgan, G. (1943). Images of Organization. London: Sage.
Waterman, A. S. (1993), ‘Two Conceptions of Happiness: Contrasts of Personal Expressiveness (Eudaimonia) and Hedonic Enjoyment’, Journal of Personality and Social Psychology 64:  678-91.

lunedì, settembre 16, 2013

Public Owners and Managerial Civil Servants: the Clush of Cultures Within Italian Public Institutions since the Reform of 2000

Essay issued on 9 September 2013
Seminar of Cultural Organization
Master in Cultural Economics and Entrepreneurship

In 2000 the Italian Government introduced a reform in the public institutional system to stop the widespread bribery practices discovered by early 90s investigations (1) into abuses.  Public institutions, which used to be under the direct control of political leaders and relevant parties and clans, were revisioned as modern private enterprises: political leaders could still set the main institutional goals, but projects were to be managed according to independent, accountable, efficient and transparent business practices.
In Chandler(2)'s terms, a political class that used to run public affair as a family business all of a sudden had to share and negotiate its goals with an unexpected managerial class. Since then a clash of cultures(3) has taken place within Italian public institutions with “political owners” and “managerial civil servants” competing more for their own leadership within the institutions rather than for the main public goals of the institutions themselves. Organizations -  this Italian example proves - can thus be complex since their units rely on different procedures and values and can fail to attain an agreed conversation(4) on shared goals.

This essay first summarizes Chandler's main definitions of “ownership” and “manager”. Second, it shows how Chandler's analysis turns helpful to describe the main features of the two professional categories that have risen in the Italian public institutions since 2000. In the end, it shows how the competition between the two sub organizational cultures has absorbed more efforts than the attainment of the main organizational goals.

Tracing the managerial revolution in American business, Chandler identifies two main categories of firms: small family run firms and modern enterprises. Family run firms, which dominated the US economy till 1840, were mainly managed by owners, ie a very restricted number of people employing members of their close social network, addressing a restricted geographical area, and basing their success on market dynamics. Modern enterprises, which have come to be quickly predominant in a little more than a century, are instead managed by a hierarchy of professional managers employing technically skilled workers, addressing a wide market and gaining their direct income from internal organizational standards, normally referring to a level of responsibility.

Since the 2000 reform of the Italian public system, Italian politics have developed as “owners” and civil servants as “managers” of national, regional and local institutions. While public institutions are not private enterprises and so not all Chandler's analysis can be applied, the main pattern does fit perfectly. Politicians normally select themselves within a restricted group of members of the same political party, they compete for the leadership in geographically specified areas, and their success is measured in terms of electoral market appreciations. Civil servants, quite to the contrary, are selected according to their relevant technical skills, belong to a nation wide category and their salary depends mainly on their position within the hierarchy.

What makes Italian politicians and civil servants unique in terms of Chandler's description is that they do co-exist at the same time within the same institution. Political owners have never looked for managerial civil servants in order to make their enterprises more effective and profitable, as American businessmen did. Political owners rather had managerial control imposed on them to have their chances of corruption and  their patronage power reduced. Thus, the collision of cultures has come.

Political owners base their programs on the electorate's preferences. Normally poor in technical skills, they address ambitious goals and they share the development strategy with their networks of supporters. Civil servant managers on the other hand draw on budget limitations and develop institutional programs within the realm of public procedures and selections. The two cultures never merge easily: sometimes political owners push their civil servant to avoid public procedures and directly reach their goals; sometimes managerial civil servants actively strive against reforms to avoid costly organizational changes and to get a pay back out of their extra effort. Political owners claim unchallenged leadership because of their democratic representativeness, but managerial civil servants claim to be defenders of constitutional regulations. Whatever the outcome, the discussion between the two cultures turns into an impossible conversation and both discussants invest greater resources into the conversation and the leadership within it than into political programs or economic efficiency, thus compromising the overall goal of the organization they work for.

To sum up, the Italian reform of public institutions of 2000 has split the control of national and local institutions between two independent groups of stakeholders: a political group, acting as a family run business owner, and a civil servant group, acting as a managerial class. This coexistence is among the factors that contribute to Italian public institutional complexity. The two groups hardly share the same ideals and they fiercely compete to impose their designs, ie to plan, and evaluate criteria, so that in the end very few designs at all come into practice.
There is an ongoing clash of cultures underneath every Italian public organizations, and how to address this clash and bring it to synthesis is indeed a key issue of contemporary political debate. On one side stand managerial supporters sponsoring a further move towards managerial logic, somewhat leaving political and strategic leadership to the European level; on the other side stand supporters of traditional Italian values sponsoring a stronger emphasis on political class and  social sphere and the ability to make valuable choices running state affairs as in a big household. What is at stake is a successful conversation able to merge the two subcultures and make them cooperate towards shared goals and procedures.

---
Notes:
1) The new reformed has been introduced by “Decreto legislativo 267/2000”. The full text and following updates are online at http://www.altalex.com/index.php?idnot=1091. A commentary to the main aims of the reform is given by Delpino, Del Giudice, 2012.
2) Cfr. Chandler, 1977
3) In this paper, culture is intended in its anthropological sense, connoting stories, history, expectations, artifacts, symbols and values that differentiate a group of people from the other one. (Klamer, 2013)
4) Cfr Klamer, 2007 for an extensive discussion of the concept of “conversation” and competition between ongoing conversations.

---
References:
Chandler, A. D. (1977). The Visible Hand. The Managerial Revolution in American Business. Harvard: Harvard University Press.
Del Pino, L.; Del Giudice, F. (2013). Diritto Amministrativo (“Administrative Law”). Napoli: Simone Editore.
Klamer, A. (2007). Speaking of Economics. How to get in the conversation. New York: Routdlege (series Economics as Social Theory).
Klamer, A. (2013). Doing the right thing. A Value Based Approach to Economics. 

venerdì, agosto 30, 2013

Rotterdam: 4 km più a nord, 4 km più a sud

Periferia nord di Rotterdam. Simpatiche casette circondate dal verde si intervallano a strade e canali. Poco più lontano il fiume Rot che sale con morbide anse fino ad Amsterdam. Una barca parcheggiata tra le auto, una bicicletta che segue l'altra, qualcuno che passeggia verso la fermata della metropolitana.

Resto in casa da solo nel mio nuovo quartiere, suona il campanello e scendo ad aprire la porta.
“Buona sera, sono venuta a recuperare i ragazzi”, dice una sorridente madre, donna ancora giovane.
“Dalla vacanza in Thailandia, suppongo – rispondo con altrettanta normalità - ma Ako non è qui: ha portato tutti dalla nonna. Vuoi entrare per aspettarli?”.
Sembra che ci si conosca da anni. In realtà non ci si è mai visti. Sono in Olanda da pochi istanti e la porta che apro e quella di Ako e della sua famiglia di origini camerunesi, rivisitata da un divorzio. Una piccola fetta della loro casa sarà la mia fino a quando prenderò possesso della mia vera casetta, a pochi passi di distanza.
“E' la prima volta che sperimentiamo questa soluzione – dice Charles, il mio futuro padrone di casa – Prima tenevano molto alla loro privacy. Ora con questa crisi bisogna arrangiarsi come si può: banche, assicurazioni ci tengono tutti come pupazzi, regole, regole, regole, non si riesce più a lavorare”.

Quattro chilometri più a sud, le piccole vicissitudini quotidiane lasciano spazio alle grandi aspettative. Le torri dell'Erasmus School si alzano al cielo, lungo la mosa, a est del centro. Un piccolo gruppo di giovanissimi olandesi e un più nutrito e maturo gruppo dal mondo – Colombia, Brasile, Cina, Germania, Francia – riempie i pochi metri quadri della propria stanza in affitto di grandi sogni per il domani.

Io, pragmatico, vi aggiungo i miei progetti.

martedì, agosto 20, 2013

Altare del Cimitero di Pietrapazza

"Guardò con una fitta al cuore le vicine sagome di Ca'dei Maestri e Ca'di Giorgio che si profilavano salde, più nere della notte che risaliva veloce dal quieto scorrere del Bidente: non le abitava più nessuno,come nessuno abitava più Abetaccia, Rignone, S,Giavolo, Ca'dei Conti, Ca'di Michelone..."
(tratto da "L'ultimo grido nella valle" di Giuliano Marcuccini, in Il Popolo di Pietrapazza)

Cimitero di Pietrapazza

sabato, agosto 17, 2013

La lista

E sono oltre due mesi. Due mesi dall'ultima seduta alla tastiera. Molte parole da allora sono state imbastite ma sempre con uno scopo: un comunicato, un progetto, una prenotazione, una delucidazione. Sono stati i giorni della lista, del “to do”, come dicono gli amricani. Al mattino, mettevo giù la lista per completare tutti gli adempimenti lavorativi. Al pomeriggio, mettevo giù la lista per non perdere nessuna delle scadenze per arrivare fino lassù a Rotterdam: la raccolta delle informazioni, l'application, il test di inglese, i permessi dal lavoro, la borsa di studio. Più che una lista un albero: un nodo, sotto a lui alcuni altri, sotto a questi altri ancora. Respiro corto, per mantenere la tensione alta e non lasciare scappare nulla, nulla di fondamentale almeno. Perché quello è il primo punto con cui fare i conti per davvero. I punti sono tanti, troppi, non si può pretendere di coltivare ognuno di loro alla perfezione. Alcuni li devi abbandonare coscientemente, accettare che non potrai raggiungere il massimo a cui ambivi e convivere con le imperfezioni che ne derivano. Pena il non cambiare mai. Se si attende che tutto sia favorevole e perfetto, non ci si alzerà mai per fare il primo passo. Solo nelle storie che si raccontano alla fine c'è ordine e consecutio. Prima ci sono più spesso punti di domanda e caos.

Due mesi di liste, di respiro corto, di compromessi e di saggezza forzata non sono due mesi fertili per la poesia di un racconto o di una foto. L'unica storia che potevo ascoltare era la mia. Finiva tutta lì, tutta per me, l'empatia che serve per far entrare le avventure di un'altra persona o le forme di un paesaggio. Come può ascoltare veramente una persona quando scorre le proprie azioni come fosse un computer: in ordine, veloci, riordinando in fretta le opzioni, uno-due, senza sosta?

Di solito ordino quando scrivo. Prendo le idee, le attacco in disordine sul foglio come post-it su una scrivania. Poi li raggruppo in “scatole”, metto in fila i contenitori ed ecco che un testo sta per nascere. Basta aggiungere qualche parola, una congiunzione, pesare l'aggettivo e, se occorre, variare il ritmo con qualche dialogo. In questi due mesi, non ho mai scritto, perché già la vita era ordinata come una storia: post-it, scatole, ordine.

Non è né la prima, né, credo, sarà l'ultima fase “lista” della mia vita. E' un po' una via d'uscita obbligata per tutti gli “uomini di buona volontà” ai periodi in cui ci sono dieci attività da portare a compimento all'unisono o ce n'è una che assume un peso speciale e a lei si piega tutto il resto.

Ha un suo fascino irresistibile e irrinunciabile la fase lista. Molti grandi risultati, ne sono convinto, sono posti su pianerottoli alla fine di una lista. Corpo e mente raccolti per un unico scopo, senza distrazioni e senza sconti, al riparo dai turbamenti. Ma è anche una torre che a volte si eleva lasciando a sui piedi qualche maceria, tanta incuria, qualche rimpianto per i sentieri non percorsi e cambiamenti non sempre facili da prevedere.

E' ancora tempo di salire e, dopo una piccola pausa, rimettersi a fare liste e seguirle a denti stretti. Poi spero di aprire le porte e far salire su a godere il panorama tutti coloro che con pazienza hanno sopportato la dimenticanza. E per loro conservare quel sorriso che echeggia più spesso di altri, ma che per rimanere tale ha sempre smania di nuove stanze e nuovi torri e prima di loro, inevitabilmente, di nuove liste.

domenica, maggio 26, 2013

Cicloturismo, un secolo di viaggi in bicicletta

(testo curato per Ambiente Informazione, n. 1/2013. 
Introduzione allo speciale sul cicloturismo in italia)

Poesia, business, convinzione di cambiare il mondo. Parlare di cicloturismo significa prendere contatto con questi tre ingredienti e intraprendere una corsa a tappe che unisce, tra continuità e rivoluzioni, le gesta dei ciclo-poeti romagnoli di fine Ottocento (Antonio Panzini, Olindo Guerrini, Alfredo Oriani), gli ambientalisti americani di Critical Mass, e gli indotti dell'industria turistica.

Il cicloturismo è oggi un tema al centro del discorso pubblico. Lo scrive Tino Mantarro su un recente numero della Rivista del Turismo (n.3/2012), la pubblicazione del Centro Studi del Touring Club Italiano, l'associazione che nacque nel 1894 a Milano proprio come club ciclistico e che tra le sue prime azioni, volute dal futuro presidente Luigi Vittorio Bertarelli, promosse la pionieristica pedalata Milano-Roma del 1895. Citando Alberto Fiorillo, autore di No Bici, Mantarro apre lo speciale “In viaggio su due ruote”, scrivendo: “Ci sono tante tribù e lo stesso ciclista può fare trasversalmente parte ora dell'una ora dell'altra. Ci sono i ciclisti da passeggio, quelli che usano il mezzo soltanto la domenica, gli sportivi, gli amatori, i feticisti che la tengono come fosse un quadro, i filosofi della decrescita, i pieghevolisti e alcuni insistenti rompiscatole che sostengono l'impossibilità  di andare semplicemente da una parte all'altra pedalando: bisogna aderire a un manifesto, devi avere una determinata bici, comportarti così, vestirti così”.

Lo speciale sul cicloturismo ospitato su questo numero di Ambiente Informazione contempla in parte tutti questi aspetti: il progetto della ciclabile Venezia-Torino lungo il Po'; la mappa europea di Eurovelo con i suoi dodici itinerari su scala continentale per un totale di 70.000 km; l'attività della FIAB – Federazione Italiana Amanti della Bicicletta – che perora l'impegno italiano a favore delle ciclovie; le donne di Follow the Women che dal 2004 attraversano in bicicletta Libano, Siria, Giordania, Israele e Palestina come forma di sostegno ai diritti civili. E poi ancora piccoli imprenditori e grandi appassionati che raccontano la loro idea di viaggio su due ruote lungo i percorsi della loro terra, dal Veneto alla Puglia.

Tra questi piccoli imprenditori nei primi anni Ottanta c'era anche Luigi Parmeggiani, membro fondatore dell'AIGAE, e titolare di Verde Natura, uno dei primi cinque tour operator italiani del segmento natura per livello di fatturato e ricchezza del catalogo. “Era il 1985 – racconta Luigi – quando feci le mie prime vacanze in bicicletta: due coppie, in treno, ai castelli della Loira. Avevamo bici senza cambio, perché ancora le mountain bike non erano arrivate, caricate una sull'altra separate solo da una coperta. Scoprii così quello che per me era il modo di viaggiare più bello del mondo. E quasi per gioco, mie trekking, orienteering, proposte in ambiente di due giorni con le scuole, soggiorni estivi coi comuni, aggiunsi l'organizzazione di un viaggio in bici in Francia. Feci due gruppi: all'epoca composti da ragazzi tra i venti e i trenta anni con cui pernottavamo in tenda”.

Da lì il via alle operazioni: la collaborazione con il tour operator francese Randonnée Natura-Avventura per promuovere la Francia al pubblico italiano; dal 1998 l'avvio della collaborazione con un'agenzia viaggi di Modena e la nascita della Compagnia della Natura, con un catalogo di viaggi a piedi e in bicicletta che copriva tutto il settore del turismo verde e del turismo attivo; poi l'arrivo di Alpitur, che rileva il marchio ma che nel 2005 decide di chiudere il comparto, e Luigi che dà vita a  un tour operator nuovo. “Oggi – sintetizza Parmeggiani – Verde Natura fattura per il 50% con turisti stranieri e per il 50% con turisti italiani: prevalentemente, i primi coprono il periodo primaverile e autunnale, mentre i secondi la stagione estiva. Il catalogo comprende oltre 150 proposte anche se il 70% del fatturato poggia su pochi itinerari. La clientela di Verde-Natura, per metà individuale, per metà di gruppo, è sempre più raffinata, ha bisogno di percorsi semplici e pianeggianti, lungo i quali la natura sia sempre affiancata alla cultura, a pochi passi dalle città e dai luoghi resi celebri dal cinema, dalla musica e dalla letteratura”.

Il prodotto turistico di Verde Natura – un soggiorno di una settimana in alberghi a tre stelle, con trasporto bagagli e, in alternativa, o guida o road book – sfugge alla crisi. Fino al 2008 il fatturato registrava tassi di crescita del 35% annuo e ancora l'anno scorso il bilancio parlava di un più 15%. Un trend in sintonia con gli indicatori dell'intero settore (vedi Formato Roberto - Cicloturismo: strategie di sviluppo e benefici per le destinazioni turistiche), che quantificano positivamente sia l'indotto dei cicloturisti individuali, sia i margini di profitto degli intermediari. Il cicloturismo, che con la sua presenza determina scelte virtuose nell'ambito delle politiche della salute e della pianificazione ambientale, copre il 60-70% del volume totale di pernottamenti lungo la ciclabile del Danubio, genera un indotto di 120 milioni di sterline in Gran Bretagna e un fatturato di dodici milioni di euro in Germania, dove nel 2008 erano attivi oltre 150 tour operator specializzati per oltre 150 mila pacchetti venduti.

La genesi di questo fenomeno industriale, partita su scala internazionale nei primi anni Novanta, prima con l'ambizione di creare circuiti dedicati, poi sempre più approfittando della viabilità ordinaria in disuso, poggia su alcune dinamiche sociali profonde. “L'uso della bicicletta – scrive ancora il Centro Studi del TCI - è diventato un'espressione efficace, nonché di moda, di un nuovo lifestyle urbano”. Come, lo spiega più in dettaglio Roberta Zardi in Il cicloturismo: un prodotto turistico a sostegno dell'identità soggettiva. L'economista racconta come, dopo la parentesi dei viaggi di massa interamente eterodiretti figli della società industriale, la vacanza sia diventata, all'interno delle economie di beni e servizi, un mezzo per esprimere la propria individualità. E così al vacationer – al viaggiatore per sole, sabbia e sesso – si è affiancato il sightseer, il viaggiatore con l'ambizione di essere autodiretto anche nell'alveo del turismo organizzato, un viaggiatore attratto dalla strada e dal desiderio di sperimentare e sperimentarsi in modelli di vita alternativi al proprio.

Un turista, il sightseer, che spesso ha sposato il viaggio in natura e il viaggio sportivo come metafora di forza, energia e libertà, facendo della sua scelta di vacanza un indice di coscienza ambientale, emancipazione dalla società dei consumi, sostegno alle comunità visitate e un motore di socializzazione. Insomma, chi oggi sale in bicicletta e si unisce a un tour organizzato è una persona in cerca di un'identità più definita, che individua nel tempo libero un recupero della propria creatività: decide di pedalare per testimoniare la propria indipendenza dai grandi circuiti del turismo di massa, ma al contempo lo vuole fare in gruppo perché quel viaggio così ribelle ha un po' il significato di un rito iniziatico per una società tribale e diventa un tesserino di riconoscimento per avvicinarsi con fiducia a persone che condividono il suo anelito ribelle.

Come testimonia l'articolo che qui segue su Follow the Women o il simpatico pamphlet francese Piccolo trattato di ciclosofia7, in cui si parla a più riprese della rivoluzione sulla strada, il valore simbolico del viaggio in bicicletta diventa talora forma di partecipazione politica, pratica di difesa dell'ambiente e della tradizione. In questa cornice è divertente ritornare alle origini, percorrere con il fondatore del TCI Luigi Vittorio Bertarelli,  con gli scrittori romagnoli Alfredo Panzini, Olindo Guerrini, Alfredo Oriani, le strade ancora sterrate di un'Italia nata da pochi decenni, su cui questi intellettuali di cultura e nobile lignaggio iniziarono a forgiare l'epopea del viaggio in bicicletta che oggi sottostà tanto ai tour operator che commercializzano un itinerario, quanto agli ambientalisti che si costituiscono a lobby in difesa della natura. “Il piacere della bicicletta – scrive Oriani nel suo celebre resoconto di inizio Novecento – è quello stesso della libertà, forse meglio di una liberazione. Andarsene ovunque, a ogni momento, arrestandosi alla prima velleità di un capriccio, senza preoccupazioni come per un cavallo, senza servitù come in un treno. (…) Non è il viaggio o la sua economia nel compierlo che ci soddisfa, ma la facoltà appunto di interromperlo e di mutarlo, quella poesia istintiva di un'improvvisazione spensierata, mentre una forza orgogliosa ci gonfia il cuore nel sentirci così liberi”. E' sulla scia di queste parole che, spiega lo storico dello sport Sergio Giuntini, “la bicicletta acquista una sua prima connotazione politica e sociale”, trasformandosi in un tramite tra aristocrazia, borghesia e popolo, tra città e campagna, in un volano per l'emancipazione della donna. Ma è però proprio Giuntini che ci ricorda come agli albori questi precursori del pedale e i loro mezzi meccanici fossero in realtà stati etichettati come l'auto ai giorni nostri: minacce alla tradizione, violazioni alla poesia del viaggio a piedi o a cavallo. Matilde Serao definì la bicicletta “l'atroce macchina”, mentre Giosuè Carducci volle stigmatizzare quei nobili dalla vocazione alla pedalata “arrotini arrabbiati”.

Un secolo dopo, la bici è, come leggerete negli articoli di questo speciale “uno strumento lento a misura di sguardo sui luoghi che si attraversano”, “il mezzo adeguato al nostro paesaggio”, “veicolo di pace e uguaglianza”. Tra queste definizioni antitetiche è passato un secolo in cui il turismo ha permeato i valori fondanti della vita moderna. “I turisti – scrive l'antropologo svedese Orvar Lofgreen - hanno inaugurato nuovi modi di guardare il paesaggio, di occupare e reclamare un proprio spazio, alla ricerca di nuove esperienze e nuove conoscenze”, e le imprese turistiche hanno creato “uno strano miscuglio di ostinato tradizionalismo e costante ricerca della novità”.

Questo sistema e il suo protagonista, “l'homo turisticus”, sono attori principali nel nuovo universo della rappresentazione individuale e geografica dei social network. “Dal 2005 – conclude Parmeggiani – non facciamo più fiere, né stampiamo più cataloghi cartacei. Ho delle persone che tre pomeriggi a settimana lavorano su facebook. Abbiamo un blog di Verde Natura e ogni guida che lavora con noi ne ha uno personale in cui pubblica un diario itinerante. Pubblichiamo news sul mondo della bicicletta, sui viaggi e sui libri che ne parlano. Costruiamo il patrimonio di informazioni con cui restiamo vicini ai nostri viaggiatori”.

L'identità della bicicletta che in un secolo è già stato minaccia di progresso, icona ambientalista, motore poetico, elemento di business, strumento di lotta politica, attende dunque il suo nuovo documento di identità dal profilo facebook con più amici. Buona lettura e buona strada.

domenica, maggio 05, 2013

New York: brevi all'angolo tra street ed avenue


All'entrata di Central Park un runner stile punk corre attraverso le strisce pedonali di Columbus Circle con il suo muscolo pittbull: il cane, al guinzaglio, lo segue concentrato sullo skateboard, con le zampe ben ritte a governare la tavola con le ruote.
Sulla quinta strada una donna, forse sulla quarantina, si ferma di fronte a una boutique: gonna stretta, giacca, scarpe coi tacchi. La sua sagoma dall'altro marciapiede si sfuma nell'ombra di un grosso camion, alto, lungo, rumoroso, che scende verso Wall Street.
Lungo l'East River l'autostrada scompare nelle radici di un edificio e riemerge con tutte le sue corsie dall'altra parte delle fondamenta. Via di scorrimento e area residenziale si compenetrano: dove l'una corre per passare, l'altra si erge per dimorare. Dicono che in quel caso il permesso a costruire sia stato abbastanza caro.
Al semaforo tra la 42° strada e la decima avenue, le cinque corsie si riempiono mentre il semaforo rosso ferma il traffico. Due taxi gialli guidati da indiani in turbante si insinuano tra i due furgoni neri in fila sulla corsia di sinistra. In mezzo a loro un nocchiero dall'aria latina tira le briglie al suo cavallo bianco fino ad arrestare il calesse dello stesso colore.
A pochi isolati dall'Hudson i piloni metallici di una vecchia ferrovia innervano di una striscia di ferro palazzi di vetro e di metallo. Sopra, tra le rotaie, un morbido prato inglese circonda una via pedonale: carrozzine, jogger, turisti passeggiano tra eleganti giardini all'inglese e graffiti dai colori fluorescenti.
Di fronte ai grattacieli di Battery Park si alza il nuovo centro finanziario di Jersey City. Un'ora più a ovest un tronco rotola verso l'acqua, trascinato dai castori verso la loro nuova diga.

domenica, marzo 10, 2013

Tre libri in pellegrinaggio tra Illuminismo e Cattolicesimo (finché si cerca si fanno meno danni)


Da alcuni mesi tre testi si muovevano come nomadi nelle steppe tra gli scaffali delle mie case. Mi seguivano come fedeli compagni: erano sempre nella lista delle cose da fare, ma, quando il loro tempo sembrava finalmente compiersi, ecco che un articolo da scrivere, un film da vedere, una passeggiata da organizzare o una “rivoluzione” professionale da abbozzare, ne prendevano il posto. Reale variazione delle priorità organizzative, certo, ma non solo. Quei tre testi erano (e sono) tre volumi di storiografia cattolica datimi in mano nel tentativo di influenza il mio approccio illuministico al passato e all'etica. Chi mi aveva dato quei testi mi rinfacciava il relativismo etico e l'apertura incondizionata del mio approccio, curioso e senza pregiudizi. Proprio avendo difeso tale approccio avevo indirettamente maturato l'obbligo di accettare la proposta.

Eccomi allora fermare la migrazione perenne di quella piccola carovana di libri, fare un bel respiro, e iniziare un viaggio nella storia della Cristianità: Costantino e l'istituzionalizzazione del Cristianesimo come religione dell'impero, le crociate e le inquisizioni, la riforma luterana e la colonizzazione del sud America, fino al Novecento, alle ideologie totalitarie e alle guerre mondiali. Sempre da una prospettiva volutamente e dichiaratamente impegnata a liberarsi dalle vulgate storiografiche consolidate dagli illuministi francesi, prima, e dai liberali inglesi subito dopo. La lettura storica è stata ricca di scoperte accattivanti, mentre le conclusioni etiche si sono rivelate altrettanto angoscianti.

La parte storica, brillantemente giocata da storiografi di stampo cattolico, è un esercizio efficace di relativismo prospettico. Un esempio tra i tanti citati dai testi. C'è da stupirsi se l'uomo del Medioevo era disposto a morire per una disputa teologica sulla vita eterna? No, in quanto nell'immaginario dell'epoca, tanto il cattolico ortodosso quanto l'eretico cataro consideravano la vita eterna il tema supremo ed entrambi procedevano secondo un sistema duale netto “se io ho ragione, tu hai torto”. Tanto il cattolico quanto il cataro erano estranei al concetto successivo di libertà individuale e per entrambi era dovere etico aiutare la comunità a schierarsi nel giusto su un tema così fondamentale: perdere la vita terrena era in fondo poca cosa di fronte alla partita dell'eternità. E, se noi, avvezzi al relativismo etico, ci stupiamo di tanto ardore, proviamo a pensare come risulteremmo stupidi a un uomo medioevale, raccontando che la domenica ci sono persone che muoiono allo stadio per la loro fede in una squadra di calcio.

La bontà di questo ragionamento storico, puntuale e condivisibile nella rilettura di tutti i momenti sopra elencati, termina laddove la buona novella cristiana, depurata delle vulgate che ne hanno macchiato l'evoluzione storica, viene infine riproposta come chiave di giudizio etico del mondo, come antidoto all'individualismo luterano e al liberismo economico anglosassone da cui sarebbero discese le ideologie novecentesche e la loro forza distruttrice.

In prima battuta, non si capisce perché la dimensione storica e la miopia prospettica che vengono chiamate in causa per calmierare le azioni della Chiesa, perdano valore quando nella storia si impongono il capitale e l'organizzazione economica del vivere comunitario, da un lato, e l'utopia comunista, in sua opposizione, dall'altro. Perché gli eccessi della storia della Chiesa possono essere spiegati alla luce delle relazioni di potere del tempo e dalle motivazioni di squisito realismo politico del Medioevo, mentre le procedure organizzative dello stato liberale e le teorie marxiste possono essere bocciate alla luce delle crisi cicliche del sistema produttivo o alla luce delle derive totalitarie, che sono frutto delle relazioni internazionali alla stessa stregua delle azioni del Papato o dell'impero. Perché la carità cristiana può applicarsi ai momenti in cui l'errore dell'uomo ha inficiato la custodia del messaggio di Cristo, mentre l'uomo deve essere perfetto come un Dio nel momento in cui tenta di tradurre in prassi un edificio etico laico con molti meno secoli di sperimentazione?

In seconda battuta, è angosciante, oserei dire anti-evangelico, ciò che consegue allorché la certezza del bene e del male viene reintrodotta come chiave di lettura e di guida della comunità cattolica e come cifra di superiorità morale nei confronti delle comunità altre. In questa cornice trascendente, la Madonna è colei che come braccio della provvidenza è scesa, prima e dopo l'avvento di Cristo, a consolidare le sbarre dei cancelli d'Europa: ha sconfitto i persiani preservando le polis greche; ha allargato l'impero romano per diffondere il messaggio cristiano; ha accesso le micce dei cannoni della Santa Alleanza contro i Turchi; ha impresso nuova civiltà alle popolazioni andine. E oggi è pronta ad armare gli arsenali europei per scalzare il politically correct e imporre di nuovo il messaggio di Cristo. Chissà se questi alfieri del giusto, così pronti e legittimati a distruggere nemici interni ed esterni, hanno dedicato all'altro, interno ed esterno, lo sforzo di comprensione che propongono per il proprio passato?

Ho scritto queste parole per rimettere in moto il nomadismo di questi testi su cui mi sono infine soffermato alcuni giorni. Lo storico illuminista potrà così aprirsi a dati e inquadramenti che limano il pregiudizio assoluto verso l'amico cattolico, ma spero che questi non confonda la spiegazione di un eccesso del passato con un nulla osta alla sua reiterazione nel futuro. Che l'approccio sia l'uno o l'altro – un individuo privo di trascendente teso alla migliore organizzazione della sua comunità o una comunità votata alla comprensione della direzione di origine metafisica a cui tendere – spero si dia spazio a una ricerca senza fine. Le tesi, come assoluti, hanno sempre dato il là a confronti infruttuosi. Diamo loro il giusto valore: schemi pratici per coordinarsi in un sistema dato. Lasciamo evolvere il tutto: tra di noi potremmo trovare modus operandi utili a includere un ex diverso, e verso un ipotetico Lui, più si è, meglio è, ivi includendo chi umano non è come gli orientali pensano da prima che Roma nascesse e cadesse.

mercoledì, marzo 06, 2013

Lettera al Presidente di una ventenne ottimista

Mittente:
L.B.
Residenze varie, ove si può, ove si deve
Professione: cameriera, estetista, donna delle pulizie, sarta, commerciante, cuoca part time
Destinatario:
Ignoto al momento

Oggetto: Richiesta non economica alla comprensione del mondo che cambia

Gentile Presidente,

gli ultimi mesi sono stati per me ricchi di soddisfazioni. Professionalmente ho fatto passi in avanti da gigante. Su molti fronti, perché li ho abbracciati tutti. Sa, un po' di fortuna e un po' di impegno, qualche aiuto dagli amici e dai parenti e ho trovato il mio posto nel mondo. La scuola è servita. Avevo studiato per diventare estetista e, quasi ogni settimana, c'è chi mi chiama per coccolarsi un po': un piede, una mano, le unghie, il viso o un bel massaggio. Poi ho un compagno che è parte di una famiglia numerosa e mi ha aperto qualche porta anche lui: così ora faccio un poco di pulizie in un albergo e do una mano in cucina in un ristorante. E poi, ancora, avevo investito qualche risparmio in un corso di taglia e cuci e, nel tempo che mi rimane libero, mi diverto a fare borsette, vestiti, tende. Mi piace realizzare forme originali, con colori sgargianti e materiali antichi. Non sono cose per tutti, ma il mio piccolo mondo è pieno di personaggi originali e credo che aprirò un negozio tutto mio per completare l'opera. Mi basta già il mio piccolo mondo, ma sono pronta anche crescere. Famiglia numerosa, allargata, le dicevo, e se la domanda crescesse ho già chi può cucire e massaggiare con me, chi vuole studiare all'estero e magari mi può preparare un sito e chissà. Il mio in fondo è un piccolo garage disordinato come quello dove è nato google. Mi piace sognare.

Le scrivo, Presidente, senza averlo mai fatto prima, solo per dare un nome al mio sorriso. Quando mi presento e dico che ho residenze varie e che sono cameriera, estetista, donna delle pulizie, sarta, commerciante, cuoca part time, la gente si confonde e dopo credo che abbia paura. Questo mi dispiace ed è per questo che chiedo il Suo aiuto. Forse può dire loro chi sono e tranquillizzarli.

Ho avuto il sospetto che ci fosse un poco di scetticismo per i miei successi di questi mesi quando ho chiesto aiuto per mettermi in regola e pagare le tasse. Sa, tra una cosa e l'altra, ho iniziato a guadagnare e dunque volevo entrare nel mondo dei grandi. Solo che l'impiegata è andata in difficoltà: quando le ho detto chi ero, non sapeva più se tirare fuori i documenti per classificarmi come cameriera, estetista, donna delle pulizie, sarta, commerciante o cuoca part time. Lei ha tirato fuori sei testi unici e quattro aggiornamenti normativi, ma alla fine ha detto che sul tema non c'erano ancora sentenze dirimenti della Corte Costituzionale. Non mi chieda il tema, perché non sono un avvocato, Presidente, e in vero, se devo essere sincera, temo che anche l'impiegata non fosse poi così certa di quello di cui stava parlando. Ma non è una critica. Mentre aspettavo ho letto il disposto allegato al comma tre dell'art 125 e mi sono sentita un po' come la settimana scorsa quando, per sbaglio, ho scaricato un film russo in lingua originale.

Mi sono sentita un po' a disagio, poi, anche ascoltando la Tv. Mi è parso di capire che chi non è di destra, né di sinistra passi per un tipo pericoloso. Io ammetto di non aver votato, ma non sono pericolosa, solo che di nuovo, mi sono sentita come di fronte al film russo di cui le dicevo. Da un lato, credo fossero di destra, ho sentito persone che volevano sostenere le grandi industrie e aiutare le banche per facilitare gli investimenti e l'accesso al credito: solo che io non ho né soldi da investire né possibilità di averne dalle banche. Allora ho ascoltato gli altri, credo di sinistra, che volevano difendere gli operai, la cassa integrazione e il potere d'acquisto dei contratti da dipendente: solo che io non ho contratto. E come le dicevo prima, sembra non ci sia modo di farmene uno.

Hanno paura di me, ho poi scoperto recentemente, anche alcune persone un po' anziane, che invece mi dovrebbero capire meglio di altre. Sa, quasi per caso, sono stata alla presentazione di un libro sulla storia del mio piccolo mondo. All'inizio mi sono entusiasmata: quel professore ricordava l'orgoglio dei lavoratori del suo tempo, che facevano un po' di tutto per un tozzo di pane, ma sempre con dignità. Finalmente, mi sono detta, qualcuno che mi capisce e gli ho sorriso dalla platea. Ma poi lui ha continuato e quando è arrivato a noi giovani ha detto che ci lasciamo andare a mille rivoli, che ci perdiamo, che non studiamo. E' vera, è vera, la storia dei mille rivoli: sono stata io a dirgliela, no? E' vero che io non sono né avvocato, né banchiere, né tipografo, né idraulico. Sono come quelli di una volta, un po' di tutto, ma, non so perché, non ho decoro e quando sorrido per i miei lavori, gli amici del professore mi guardano un po' di sbieco perché non sono una professionista come i loro figli, che hanno quindici o venti anni più di me.

Presidente, le ho detto tutto quello che volevo scriverle. Spero che lei possa aiutare gli impiegati, i politici e i vecchi lavoratori a non avere paura quando, sorridendo, dico loro di essere cameriera, estetista, donna delle pulizie, sarta, commerciante, cuoca part time. Io sto benone, non ho poi una grande crisi, e, le dico un'ultima cosa, sono anche contenta di essere in Europa. Guadagno qualcosina, si diceva, e, risparmiando, ho fatto i miei viaggi: sono stata in Gran Bretagna, in Grecia, in Spagna, in Germania. Non è che capisca sempre cosa mi dicono gli amici che ho conosciuto là, ma, quando ho fatto vedere una delle mie gonne a una ragazza di Berlino, le è piaciuta e così io le ho regalato la gonna e lei mi ha offerto da bere. Ci siamo divertite un sacco a farci i gesti. Io, la guerra, come mio nonno, non la farei.

Mio zio, che mi ha aiutato a scrivere tutto, mi ha anche detto che senza saperlo forse sono un po' anarchica e che forse è proprio per questo che hanno tutti così paura.

La ringrazio e resto in attesa di un suo gentile riscontro.

         Con ottimismo,
         L.B.

giovedì, febbraio 14, 2013

In direzione ostinatamente disordinata


Seduto a gambe incrociate, mi metto alla tastiera. Un foglio di carta e una penna alla mia destra e, dallo stesso lato, un bicchiere colmo a metà di un vino ambrato, da meditazione. Ho fatto attenzione a rispettare tutti i passaggi di un ipotetico rito, come un monaco buddista o come un pensatore mistico: spero così di riportare nel caos del giorno la chiarezza, l'ordine e il coraggio dei pensieri che si svelano al calar della sera, quando l'oggi si confonde già con i progetti del domani. E' così nitido quel momento e invece è così confusa la veglia cosciente: la tua volontà che si perde in mille rivoli e quel mondo là che non vuole mai saperne di ubbidirle neppure un po'.

Una certa stanchezza pesa sugli occhi, ma non è quella vera, quella che si riassorbe in un lungo sonno. E' più la tensione di un cammino di crinale da cui non si riesce mai a scendere. Fare una pausa? Ma a che pro se il corpo resta appoggiato al divano, ma la mente decolla verso lidi lontani. Mettersi in moto su qualcosa? Ma cosa, se la lista si affastella su se stessa, in uno sviluppo senza fine. Resta da cercare la data di scadenza di un bando, ci sono appunti sparsi su storie da sviluppare, ci sono foto da ritoccare, Internet che non funziona, amici colpiti da piccole sventure, messaggi sul telefono, vecchie mail che giacciono senza risposta, una casa, una famiglia, un amore lontano, un articolo da scrivere, una cornice da ritagliare, due saggi da restituire, una sinfonia da scaricare, un film da rivedere, un itinerario da percorrere, una città da esplorare. E alla base di questo labirinto, altri dubbi: non sapere se darsi il tempo di scrivere ciò che si è o di imparare ciò che occorre, non sapere se restare vicini a tutte le radici che ci hanno fatto ciò che siamo o se protendersi più decisi verso i nuovi germogli, fragili e senza direzione.

Il tempo che passa, e che forse toglierà le forze, dicono che aiuti a fare ordine: a dividere il mondo in ciò che davvero occorre, in ciò che è un peccato trascurare e in ciò che nessuno si accorge se facciamo o meno, a quanto sembra la categoria più ampia. Ma già il tempo è passato in parte e nel suo volgere ha sempre aggiunto e quasi mai tolto: nel mio caso no, non c'è speranza nella sottrazione; l'unica alternativa è l'ostinazione, verso una condivisione improbabile, che non si deve pretendere esista veramente.

Ecco, solo questo posso scrivere al momento, prima di iniziare una storia più lunga da coltivare in sordina in un'unica puntata di là a venire. Solo il disordine come soluzione al disordine. Alquanto poca cosa, ma almeno è scritta e dunque già un poco più vera. E tra qualche tempo potrò tornare a leggere queste parole, ricordarle ormai confuse, e prenderle a quel punto come la soluzione pensata da una mente altrui. E dunque più vera ancora.