domenica, luglio 22, 2012

Né al centro, né agli estremi


Mi capita spesso di pensare che la mia vita sia più indistinta di molte altre. I giornali raccontano percorsi nitidi ed estremi che si condensano in uno slogan. C'è il grande sportivo che riassume il senso di mesi di allenamenti e rinunce in un traguardo tagliato di fronte al mondo. Oppure c'è l'artista debole che si consuma fatalmente nelle sue esplorazioni ai confini dei sensi. Il significato del sacrificio di entrambi è facile da riassumere. Così come la tenacia di chi si attesta silenziosamente al centro: una routine accettata con pacatezza in cui la gioia sincera per una cena cucinata da cima a fondo agli amici riempie il vuoto lasciato da grandi slanci, che non arriveranno mai, né a gettare luce, ma neppure a creare inquietudine.

Io invece mi sento un pendolo in costante oscillazione, senza un suo equilibrio. Riesco a vivere la quiete di ogni giorno solo come pausa per una nuova pagina da esplorare e se questa tarda sono io stesso con la mia inquietudine a turbare le acque, a rimescolarle forzosamente, insofferente verso un'attesa prolungata. D'altro canto però lascio il centro senza la tenacia che consente ai grandi uomini di attestarsi all'estremo. Sento il fascino del bagaglio leggero, della vita selvaggia di un nomade, ma poi in ogni altrove e in ogni tempo finisco per proiettare qualcosa da costruire o qualcuno da diventare: lo zaino resta in fondo alla stanza e tutto attorno vi cresce il gomitolo di relazioni del mondo. Pazientemente occorrerebbe conviverci con queste relazioni, modificarle, scalarle, reciderle, concentrarsi su un unico obiettivo, puntarlo senza incertezze, contro il vento e contro le maree. Ma una volta tracciata la rotta, raggiunte le correnti dell'oceano dove i grandi velieri si contendono lo spazio, spiagge calme, baie quiete fanno sentire il loro richiamo e insinuano il dubbio nella mano che regge il timone.

Non c'è continuità tra ciò che accade prima e ciò che segue, non c'è consonanza tra ciò che accade fuori e ciò che accade nella mente.

3 commenti:

Laura Bleu Vanille ha detto...

La "Generalità" può essere caratteristica propria delle persone confuse o insoddisfatte, ma può essere anche tipica di una persona che ha appreso l'importanza fondamentale degli stimoli prima ancora che della teoria. Il dubbio del timoniere che da una parte teme di non farcela e dall'altra è attratto dal tentativo di riuscire a collocarsi in quello spazio, di raggiungere ciò che sente di poter fare (perché è il suo mestiere, quindi la sua natura nel senso del suo "destino etico"...), è quel dubbio-stimolo che ad una persona della prima categoria da te descritta, diciamo "particolarista", metterebbe il freno; mentre a quella persona "generalista" da le chiavi per accedere a quelle spiagge ed alle baie "calme" (ma tanto calme non lo so ! Sempre ci sarà da mantenere la posizione, e forse poi a quel punto ti raggiunge anche un'altra forma d'insoddisfazione)...

Non c'è continuità ed al tempo stesso c'è. Non c'è ritorno, ed al tempo stesso ci si lascia tornare. In fondo, anche se procediamo "per rivoluzioni" per "discontinuità" e non per "tentativi" o "approssimazioni", in ogni caso, bisognerà con-venire con la realtà - anche se sappiamo che tra la mente e la realtà resta in sospeso nella relazione quel segno divisore ( / ), che non permette e mai permetterà di far coincidere alcun significato con alcun significante con alcun oggetto con alcun atto. Questo è da sapere. Ma da fare, è possibile, è "ulteriore".

Adriano Maini ha detto...

Ma le tue pellegrinazioni, di cui sinora mi posso essere reso conto, sono affascinanti!

Adriana Riccomagno ha detto...

Ho sempre preferito la poliedricità alla monotematicità :-)